Termoli

Storia

Le sua storia affonda le radici all’età preistorica e romana e sono documentate dai ritrovamenti di necropoli preistoriche in contrada Porticone e Difesa Grande, nonché da attestazioni ricognitive di ville romane. In seguito alle scorribande dei Barbari e ai momenti di crisi socioeconomica del basso impero, gli abitanti dei luoghi si sono rifugiati sul promontorio – zona facilmente difendibile, aperta sul mare, alta, con un unico accesso alla terraferma. La prima attestazione di vita è la costruzione dell’edificio sul quale, in seguito, nel XII o XIII sec. è stata edificata la Cattedrale nella forma che vediamo noi oggi, fulcro del Borgo, luogo verso il quale confluiscono strade e vie. La presenza, oltre dell’edificio sacro, anche del Castello, voluto forse da Federico II come torre di vedetta sull’Adriatico denota un periodo di splendore intorno al XII e XIII secolo d.C. Le invasioni turche con saccheggi e devastazioni, terremoti, passaggi di proprietà tra dinastie e famiglie nobili hanno segnato un momento di calo durato fino al 1770 circa. Nel 1847 con il passaggio a Termoli di Ferdinando II, fu concesso ai termolesi di edificare anche al di fuori della cinta muraria: il re Borbone diede l’autorizzazione per tracciare le due direttrici che avrebbero segnato l’inizio dello sviluppo della città

Popolo

Termoli è un comune italiano di 32.983 abitanti della provincia di Campobasso nel Molise.Per popolazione è il secondo della provincia e della regione. Si caratterizza per la presenza di un promontorio sul quale sorge l’antico borgo marinaro, delimitato da un muraglione che cade a picco sul mare.

Cultura

Termoli, una città di mare, trasformata in seguito alle tante ricostruzioni operate dopo i terremoti e i maremoti dell’antichità ma anche in seguito allo sviluppo commerciale e urbano. Un borgo marinaro, divenuto oggi una città che desidera ardentemente rinnovarsi, essere ospitale senza mai dimenticare la sua vocazione squisitamente turistica è il punto di forza di questo centro.

Il Castello Svevo

Il Castello Svevo e la sua sagoma che si staglia contro il cielo è uno dei simboli di Termoli. Le caratteristiche architettoniche lasciano supporre che il Castello sia stato costruito in epoca normanna (XI secolo), interamente in pietra calcarea e arenaria, nei pressi di una preesistente torre longobarda. Tuttavia la definizione “svevo” pare sia stata attribuita in seguito alla ristrutturazione e fortificazione voluta da Federico II di Svevia nel 1240, dopo i danni arrecati da un attacco della flotta veneziana. Molto probabilmente il Castello di Termoli faceva parte di un più ampio sistema di difesa, costituito da mura che cingevano l’intero perimetro della città e da diverse torrette merlate, di cui una si è conservata intatta ed è situata all’ingresso del Borgo antico.

Montecastello

Montecastello è la via panoramica del Paese Vecchio di Termoli. La si raggiunge dall’entrata del Borgo in prossimità del Castello o inoltrandosi tra i vicoli. Montecastello è la parte più alta del Paese Vecchio e affacciandosi all’antica mura di cinta si gode di una vista panoramica da un lato verso il lungomare di Sant’Antonio e il golfo di Vasto, dall’altro sul centro della città e spostandosi di pochi passi la vista spazia sul porto, il litorale di Rio Vivo e le Isole Tremiti.

Cattedrale di Santa Maria della Purificazione

La chiesa, dedicata a San Basso, venne edificata nel 1037.L’attuale edificio venne costruito fra il XII ed il XIII secolo. La cattedrale subì alcuni cambiamenti, con il terremoto del 1464 e l’attacco dei turchi del 1566. Durante altri lavori nel 1760 e nel 1962 vennero trovate le reliquie di san Basso e quelle di san Timoteo, patroni della città.

Piazza Bisceglie

Risalendo la scala a chiocciola che si trova al porto ci si trova in Piazza Bisceglie. Qui si trova l’Istituto “Gesù e Maria”, un luogo della Storia di Termoli: dapprima orfanotrofio, alla fine del primo conflitto mondiale fu adibito ad istituto magistrale e successivamente a scuola media. Nella notte tra il 2 e il 3 ottobre del 1943 durante la seconda guerra mondiale, a Termoli sbarcarono le truppe della Royal Army, sotto il comando del Generale Montgomery. L’istituto “Gesù e Maria” fu pacificamente occupato dalle truppe da sbarco inglesi e adibito a centro di pronto soccorso per feriti militari e civili. Negli anni Ottanta l’Istituto fu sede di un liceo linguistico parificato e fino alla fine degli anni Novanta di una sezione di Scuola Materna. Oggi all’interno dell’istituto si trovano gli uffici della Caritas e il servizio della Mensa Solidale.

Rejecelle

È larga 41 centimetri e si contende con un vicolo di Ripatransone (Ascoli Piceno), il primato di via più stretta d’Italia. A Rejecelle, la viuzza, così la chiamano i termolesi doc, su trova tra i vicoli del paese vecchio ed è una sorpresa trovarsela davanti e attraversarla fino in fondo per continuare ad esplorare e scoprire i segreti dell’antico borgo marinaro di Termoli.

Il Porto Turistico

Il porto turistico Marina di San Pietro è un’accogliente ed elegante struttura che consente l’attracco a 300 imbarcazioni, dagli 8 ai 30 metri. I diportisti trovano nel porto Marina di San Pietro molteplici servizi a loro dedicati come area tecnica, docce, noleggio biciclette, servizio di accompagnamento ai punti di imbarco delle motonavi oltre a diverse occasioni di ristoro e divertimento. Proprio nel piazzale retrostante ai moli di attracco è possibile gustare l’ottima cucina termolese, a base di pesce. Il bar della struttura è un luogo di relax dal quale è possibile godere di una vista suggestiva del vicino Borgo antico soprattutto al tramonto. Il Porto turistico di Termoli è spesso scenario di competizioni sportive quali la regata nazionale di classe Optimist organizzata dal Circolo della Vela. Centinaia di diportisti ogni anno scelgono la Marina di San Pietro come tappa del loro viaggio nell’Adriatico. Da Termoli infatti si raggiungono facilmente le Isole Tremiti e la costa della Croazia.

Percorso

Come arrivare a Termoli?

Da Nord: Dall’autostrada Adriatica A14 in direzione Bari, uscire a Termoli..
Da Sud:Dall’autostrada Adriatica A14 in direzione Pescara, uscire a Termoli.
Treno
In treno
Le stazioni ferroviarie da utilizzare sono: Stazione di Termoli sulla linea Bari – Pescara
www.ferroviedellostato.it/
Aereo
Termoli dista 103 km dall’aeroporto di Pescara, 200 km da Napoli e Bari, e circa 332 km dall’aeroporto di Roma.

Non ci sono hotel disponibili per questa posizione, orario e/o data selezionata.

    Totale: Nessun Hotel trovato .    vedi tutto

    Cerca

    Non è ciò che stai cercando? Effettua di nuovo la ricerca


    Totale: 1 vacanza .    Mostrando 1 - 1 vedi tutto

    Cerca tour

    Non è ciò che stai cercando? Effettua di nuovo la ricerca

    Non ci sono attività disponibili per questa posizione, orario e/o data selezionata.

      Totale: Nessuna attività trovata .    vedi tutto

      Cerca

      Non è ciò che stai cercando? Effettua di nuovo la ricerca

      Non ci sono appartamenti disponibili per questa destinazione, periodo e/o data selezionati.

        Totale: Nessun Appartamento trovato .    vedi tutto

        Cerca Appartamenti

        Non è ciò che stai cercando? Effettua di nuovo la ricerca